Corso introduttivo - Sociologia dell'Università di Milano-Bicocca

Pubblicato il da Maria Teresa Serafini

 

Seminari su

TECNICHE DI STUDIO E DI SCRITTURA

 

bicocca8-15-22 e 29 ottobre 2010

ore 13,30 -16,30

 

Sociologia, Università di Milano-Bicocca

AULA U3.1

 

IN SINTESI

Quattro seminari per riflettere sui comportamenti che portano al successo negli studi universitari.  Gli studenti vengono incoraggiati ad analizzare il proprio stile di apprendimento e a confrontarsi sui modi con cui hanno preparato l’esame di maturità. Vengono poi  descritti i comportamenti  e le tecniche pratiche che facilitano l’apprendimento, giustificati dagli esperimenti degli psicologi.  

 

 Esercitazioni pratiche in classe e a casa aiutano gli studenti a cimentarsi immediatamente con le tecniche di manipolazione delle informazioni che garantiscono una migliore comprensione dei contenuti e una maggiore memorizzazione.

 

PROGRAMMA

 

-          Gli stili di apprendimento

-          L’ organizzazione delle giornate (managing time)

-          L’ascolto a lezione

-          Le fasi dello studio: dalla pre-lettura al ripasso finale

-          I modi per leggere un testo:  approccio globale (top-down)  e approccio analitico (bottom-up)

-          Dallo skimming all’analisi del testo

-          Le tecniche che aiutano la comprensione e la memorizzazione dei testi: sottolineare,  prendere appunti, lavorare sul lessico specifico. Le mnemotecniche

-          Schemi e mappe. Modi per organizzare le informazioni: schemi a raggiera, mappe su domande, tabelle a doppia entrata, diagrammi di flusso, reti semantiche…

-          Come strutturare un buon testo: dalla raccolta delle informazioni e delle idee, alla mappa e alla scaletta

-          Il paragrafo: l’unità del testo per leggere e scrivere. Tipi di paragrafo: per enumerazione, per confronto e contrasto, per causa-effetto

 

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Massimiliano 10/14/2010 13:27


buongiorno dott.ssa Serafini, in riferimento al metodo di studio sarei curioso di cosa pensa del metodo proposto da Walter Pauk, nel suo libro "How to study in college".
In sintesi lui suggerisce un metodo basato sulle domande. Operativamente propone di scrivere a margine del testo delle domande a cui il testo stesso risponde. Quindi si usano le domande per
studiare e ripassare il materiale oggetto di studio.
Vorrei sapere inoltre come suggerisce di usare le mappe durante lo studio e cosa intende quando parla di MAPPE SU DOMANDE.
Mille grazie.

Massimiliano


Maria Teresa Serafini 10/17/2010 18:58



La ringrazio per i problemi che pone. Dato che le domande sono molteplici e richiedono  discorsi articolato, le rispondo un po' per volta nel blog.



Carla 10/03/2010 20:07


Seguirò il corso: mi sembra molto interessante! Al liceo ognuno studiava come voleva, se era capace. nessuno ci ha detto come fosse meglio fare...


Fabio 09/30/2010 22:39


Parlerà di mnemotecniche e di Pico della Mirandola? Come faceva a ricordare tante cose?


Maria Teresa Serafini 09/30/2010 22:42



Certamente! Le mnemotecniche possono aiutare, vanno conosciute. Ma è molto più importante conoscere i meccanismi della comprensione e le più svariate tecniche di manipolazione dei testi che
aiutano la memorizzazione.



Viola Gatto 09/30/2010 22:14


Vorrei davvero conoscere un metodo pratico per organizzare le mie giornate! Da quando sono all'università mi sento un po' in vacanza... Ho paura delle scadenze!


Maria Teresa Serafini 09/30/2010 22:17



Una parte del corso alla Bicocca è proprio dedicato alla costruzione dei piani di lavoro. Vedrà esempi concreti da cui trarre idee per la sua situazione personale